«novembre 2018»
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789

ItaliaBioNews

L’acciuga

L’acciuga è una delle specie ittiche più importanti per le marinerie del mar Mediterraneo.

  • 7 gennaio 2016
  • Autore: italiabio
  • Numero di visite: 518
  • 0 Commenti
L’acciuga
L’alice o acciuga (Engraulis encrasicolus) è un pesce della famiglia degli Engraulidae.
Questa specie è diffusa nell`Oceano Atlantico orientale, tra la Norvegia ed il Sudafrica, nei mari Mediterraneo, Nero e d`Azov. Vive in autunno ed inverno a profondità maggiori (100-200 m), mentre soggiorna più vicina alla costa per il resto dell`anno. E` un pesce di piccole dimensioni dal corpo affusolato con ventre liscio ed arrotondato, la lunghezza massima degli individui mediterranei è di 18-20 cm, comunemente ha lunghezza di 11-12 cm. La sua vita massima è circa 4 anni. L`Istituto Nazionale della Nutrizione riferisce che 100 grammi di parte edibile (carni) di acciughe fresche contengono 16.8 g di proteine, 1.51 g di carboidrati e un basso contenuto in grassi (2.6 g), un alto contenuto in vitamine e sali minerali: vitamina A (100 UI), complesso B (B1: 80 e B2: 210 mcg), Calcio (148 mg); Ferro (2.8 mg) e Fosforo (196 mg). 100 grammi di parte edibile di acciughe sott`olio contengono 25.9 g di proteine, 0.2 g di carboidrati e 11.3 g di grassi, Calcio (44 mg); Ferro (1.3 mg) e Fosforo (351 mg). Alcuni elementi si perdono in parte (vitamine, sali minerali, ecc.), o addirittura completamente nel prodotto trasformato (pasta d`acciughe, acciughe sotto sale), dove 100 grammi di parte edibile di acciughe sotto sale contengono 25.0 g di proteine e 3.1 g di grassi.
Print
Categorie: Alimentazione
Rate this article:
5.0