«marzo 2019»
lunmarmergiovensabdom
25262728123
456
515961

Cazzilli

INGREDIENTI PER 6...
Read more
78910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567

ItaliaBioNews

Carciofi fritti

Un ortaggio che piace e si presta per molte ricette

  • 8 marzo 2019
  • Autore: italiabio
  • Numero di visite: 42
  • 0 Commenti
Carciofi fritti
Fritti, stufati, nel risotto, con la pasta e con la carne, i carciofi sono un'ottima verdura per dare spazio alla  fantasia in cucina e mangiare qualcosa di buono.

Ingredienti
4 carciofi, 
1 limone;

per la pastella:
65 gr di farina,
1 dl di birra chiara, 
1 cucchiaino d'olio e. v. d'oliva, 
1 albume, 
sale.

Preparazione

Preparate i carciofi: eliminate le foglie esterne e quasi tutto il gambo. Pelate la parte esterna del gambo rimasto. Tagliate via le punte e tagliate ogni carciofo in  8 - 10 spicchi . Mettete subito gli spicchi in acqua fredda acidulata con limone. Mettete la farina a fontana in una ciotola con l’olio ed un pizzico di sale e versate la birra a filo, mescolando con una frusta e raccogliendo a poco a poco la farina dai bordi della fontana. Quando tutta la farina è stata incorporata, coprite la ciotola con un canovaccio e lasciate riposare per 30 minuti a temperatura ambiente.
Al momento di friggere montate gli albumi a neve ben ferma con un pizzico di sale ed uniteli alla pastella, mescolando delicatamente con un cucchiaio per non smontare il tutto. Immergete le verdure nella pastella, lasciate sgocciolare per qualche secondo e tuffatele nell’olio extra vergine di oliva caldo.

Si possono anche friggere: zucchine a fette, anelli di cipolla,melanzane tagliate a fette e fatte spurgare sotto sale, fagiolini verdi tagliati in due per il lungo, broccoletti verdi tagliati a fette, carote a fette sottili, peperoni a listarelle e foglie di radicchio trevisano.

LA PASTELLA ALLA BIRRA.
Molto più leggera della pastella preparata con il latte, ha il pregio di formare uno strato compatto attorno ai cibi, che cuociono conservando tutta la loro umidità, senza entrare direttamente a contatto con l’olio. 

Print
Categorie: Alimentazione
Rate this article:
5.0