«ottobre 2019»
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910

ItaliaBioNews

In marcia per il clima

Il 15 marzo gli studenti in sciopero per il clima

  • 14 marzo 2019
  • Autore: italiabio
  • Numero di visite: 263
  • 0 Commenti
In marcia per il clima
La Terra è malata e domani, venerdì 15 marzo, i ragazzi delle scuole sono in sciopero e si mobilitano per chiedere interventi urgenti per salvare il nostro pianeta. Sosteniamo i giovani nel loro impegno ecologico, con la speranza che la loro voce e il loro entusiasmo aiutino a smuovere tutti coloro che hanno responsabilità di governo nei diversi paesi, perché colgano la drammaticità della situazione e attuino concrete politiche per salvare il nostro pianeta dal surriscaldamento globale e dall’inquinamento, finché siamo ancora in tempo! 

Troppe volte accusati di indifferenza e di scelte consumistiche, i nostri ragazzi, invece, stanno dimostrando sensibilità e preoccupazione per i temi dell’ecologia, con molti giovanissimi che, con determinazione e grinta, hanno evidenziato il disinteresse e i ritardi della classe politica mondiale nell’attuare gli impegni assunti in tanti consessi internazionali. Ricordo a tutti noi la giovane ecologista svedese Greta Thunberg, che ha parlato nel recente incontro mondiale di Cop 24 svoltosi a Katowice, in Polonia, evidenziando come i partecipanti non siano stati in grado di assumere decisioni adeguate alla gravità della situazione.  

“Il mio nome è Greta Thunberg, ho quindici anni e vengo dalla Svezia. Molte persone dicono che la Svezia sia solo un piccolo Paese è a loro non importa cosa facciamo. Ma io ho imparato che non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” (…) “Voi parlate solo di una crescita senza fine in riferimento alla green economy, perché avete paura di diventare impopolari. Parlate solo di andare avanti, con le stesse idee sbagliate che ci hanno messo in questo casino”. (…) “Ma non mi importa risultare impopolare, mi importa della giustizia climatica e di un pianeta vivibile. La civiltà viene sacrificata per dare la possibilità a una piccola cerchia di persone di continuare a fare profitti. La nostra biosfera viene sacrificata per far sì che le persone ricche in Paesi come il mio possano vivere nel lusso. Molti soffrono per garantire a pochi di vivere nel lusso”. (…) “Nel 2078 festeggerò il mio settantacinquesimo compleanno. Se avrò dei bambini probabilmente un giorno mi faranno domande su di voi. Forse mi chiederanno come mai non avete fatto niente quando era ancora il tempo di agire. Voi dite di amare i vostri figli sopra ogni cosa, ma state rubando loro il futuro davanti agli occhi. Finché non vi fermerete a focalizzare cosa deve essere fatto anziché su cosa sia politicamente meglio fare, non c’è alcuna speranza. Non possiamo risolvere una crisi senza trattarla come tale. Noi dobbiamo lasciare i combustibili fossili sotto terra e dobbiamo focalizzarci sull’uguaglianza e se le soluzioni sono impossibili da trovare in questo sistema significa che dobbiamo cambiarlo. Non siamo venuti qui per pregare i leader a occuparsene. Tanto ci avete ignorato in passato e continuerete a ignorarci. Voi non avete più scuse e noi abbiamo poco tempo. Noi siamo qui per farvi sapere che il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no. Il vero potere appartiene al popolo. Grazie”.

D’altra parte, le notizie che leggiamo oggi sui giornali non ci permettono di tranquillizzarci e di continuare a rimanere indifferenti. Anche l’ONU lancia l’allarme: nel suo rapporto sullo stato del pianeta, Global Environment Outlook (GEO), ci dice che un quarto delle morti premature e delle malattie nel mondo è collegato all'inquinamento provocato dall'uomo. Le emissioni collegate all'inquinamento atmosferico e ai prodotti chimici che hanno contaminato l'acqua potabile mettono infatti a rischio l'ecosistema che garantisce la sopravvivenza di miliardi di persone. Un problema che ha conseguenze anche sull'economia globale. I ricercatori che hanno redatto il rapporto dell’ONU (250 appartenenti a 70 paesi, che hanno lavorato per 6 anni) evidenziano come l'eccesso di consumi, i prodotti inquinanti e lo spreco al Nord del mondo portano fame, povertà e malattie al Sud. Mentre le emissioni di gas serra aumentano, il cambiamento climatico, con siccità o tempeste, rischia di danneggiare ulteriormente la vita di miliardi di persone.

Nessuno può esimersi dall’impegnarsi nel promuovere il cambiamento per salvare noi stessi e il nostro pianeta. Tutti dobbiamo interrogarci sulle scelte che compiamo tutti i giorni, dal contenere il più possibile l’utilizzo dell’automobile per i nostri spostamenti, alle scelte alimentari di tutti i giorni. Anche la nostra spesa alimentare pesa sul nostro ambiente e incide sulla nostra salute. 

Scegliere di mangiare bio diventa sempre di più un gesto di responsabilità verso sé stessi e verso l’ambiente in cui viviamo. 


Print