«novembre 2019»
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678

ItaliaBioNews

I mieli bio a Castel San Pietro Terme

  • 13 settembre 2019
  • Autore: italiabio
  • Numero di visite: 123
  • 0 Commenti
I mieli bio a Castel San Pietro Terme

MANIFESTAZIONI APISTICHE 2019 - CASTEL SAN PIETRO TERME 
13 - 14 - 15 SETTEMBRE
CONCORSO TRE GOCCE D’ORO - GRANDI MIELI D’ITALIA 2019
ANCHE QUEST’ANNO ITALIABIO COLLABORA PER PROMUOVERE 
LA SEZIONE BIO


Con l’esame di ben 1.011 mieli sono partite le manifestazioni apistiche organizzate dall’Osservatorio Nazionale Miele, di questi 156 sono quelli iscritti alla sezione “I mieli da apicoltura biologica”.
Il 13 e il 14 settembre si terranno i seminari di approfondimento sui temi specifici, domenica 15 la consegna delle gocce d’oro.
L’Associazione Italiabio, dopo aver collaborato all’organizzazione delle 4 edizioni di Mielinbio, il 1° Concorso nazionale per i mieli biologici svoltosi nella città di Foligno in Umbria, dal 2018 ha aderito all’Osservatorio Nazionale Miele e collabora alla promozione della Sezione “I mieli da apicoltura biologica” del Concorso Tre Gocce d’Oro – Grandi Mieli d’Italia. 

Le api sono da sempre il termometro del benessere del nostro ambiente. E, ahinoi, da troppo tempo le api stanno soffrendo per l’inquinamento e per i cambiamenti climatici. Il pianeta Terra è surriscaldato, in conseguenza delle attività umane, e la nostra casa comune è in fiamme, letteralmente, perché negli ultimi tempi si è ulteriormente incrementata la pratica di dar fuoco alle foreste tropicali, in Africa e in Amazzonia, per creare nuovi spazi per un’agricoltura e una zootecnia intensive e insostenibili. 

L’apicoltura ha bisogno di un’agricoltura più sostenibile, l’uomo ha urgenza di adottare nuovi modelli economici e produttivi rispettosi dell’ecosistema, perché a rischio non sono solo le risorse a nostra disposizione, ma addirittura la sopravvivenza della specie umana!

Per fortuna nell’opinione pubblica stanno crescendo la sensibilità e la consapevolezza verso il problema della qualità del nostro ambiente, che rischia di avere ripercussioni epocali. Lo conferma anche il successo crescente dell’agricoltura biologica presso i consumatori, che si dimostrano sempre più attenti ai temi del benessere fisico e della tutela ambientale. I dati anticipati recentemente dal SINAB, Servizio informazione Agricoltura Biologica del Mipaaf, nel rapporto “Bio in cifre 2019”, ci forniscono il quadro di un’agricoltura biologica in buona salute, che continua a crescere, nonostante la situazione di difficoltà della nostra economia. Crescono gli operatori del settore (+10%), aumentano le superfici agricole indirizzate al biologico (che arriva a interessare il 15,5%  della SAU), crescono i consumi, che nella GDO segnano un +5%.

L’agricoltura biologica è, dunque, un riferimento concreto e positivo da cui partire per costruire l’economia della natura che, come insegnava Linneo già nel XVIII secolo, come una madre gestisce la casa comune, assegnando a ogni specie vivente il suo giusto posto e il suo giusto accesso al cibo.

Cosa possiamo fare noi tutti in questo momento cruciale per le api, l’apicoltura e per l’intera comunità dei viventi?
Una scelta che può apparire banale, ma che è importante e urgente, con un grande potere di far evolvere positivamente la nostra condizione: occorre ripartire dalla nostra alimentazione quotidiana, dalla scelta del nostro cibo e dei nostri modelli alimentari, diminuendo le proteine animali a favore di quelle vegetali, privilegiando i cibi di stagione e del territorio. Il nostro modo di fare la spesa, rifiutando i troppi imballaggi inquinanti, può molto. Occorre riportare al centro della nostra attenzione l’agricoltura, quella biologica e contadina, che può aiutarci a conservare la salute del nostro ambiente e a garantire la nostra sicurezza alimentare. 
Il nostro modo di mangiare è in grado di cambiare un modello di produzione che ci sta portando al disastro.
Per ulteriori informazioni è possibile scaricare il programma completo delle manifestazioni a Castel San Pietro Terme sul sito www.informamiele.it 

Print