«ottobre 2020»
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678

ItaliaBioNews

Biologico italiano e civiltà della terra

Biologico italiano e civiltà della terra

  • 5 giugno 2020
  • Autore: italiabio
  • Numero di visite: 420
  • 0 Commenti
Biologico italiano e civiltà della terra

Nulla sarà lo stesso dopo la pandemia. Come dopo ogni guerra. L’umanità se lo ripete ad ogni grande evento catastrofico. Come dei  bambini a piangere davanti alla mamma dopo una bravata, a ripetere: non lo faccio più. Peggio dei bambini, oggi l’umanità assiste attonita in silenzio. Ma nulla sarà più lo stesso dovremmo urlare tutti in coro, affinché il prossimo nemico dell’umanità capisca che non c’è alcuna possibilità di aggredire con successo una comunità compatta di popoli coscienti, solidali, che agisce come specie, per  salvaguardare  il “valore salute” quale bene comune, per conservare se stessa nell’armonia dell’ecosistema che la ospita.  L’umanità si nutre di cibo. Se questo è pulito e “giusto”, consentirà al corpo e alla coscienza di vivere in salute. Se sarà avvelenato dai fitofarmaci e frutto di speculazione e sfruttamento,  chi se ne nutrirà ne trarrà danno. L’agricoltura biologica può rappresentare   il nuovo paradigma di un modello di società orientata ai bisogni dell’uomo prima che del mercato. Il movimento del biologico italiano, cui fanno parte il Consorzio Isola Bio Sicilia e l’Associazione Nazionale Italia Bio, argomentati in un corposo documento, il Manifesto per un’agricoltura dei popoli e dell’ambiente, rivendica tre punti fondamentali: 

  1. il  riconoscimento dei meriti ambientali ai territori a forte vocazione biologica e creazione delle zone franche dalla chimica (chemical free) ; 
  2. la riforma del sistema di certificazione con l’azzeramento del costo di certificazione a carico delle aziende ; 
  3. il potenziamento dei sistemi economici territoriali nella direzione dell’economia circolare e solidale, attraverso la logica dei “distretti del cibo”.

Il documento suggerisce, tra l’altro, quanto la migliore cosa che l’uomo, agendo con le finalità della specie, dovrebbe fare è di non  interferire con gli equilibri dell’ecosistema terrestre. Significa  operare in condizioni di migliore vantaggio, soprattutto in quanto specie fragile. In alternativa, la specie umana, dovrebbe imparare a interagire con l’ecosistema terrestre in modo “leggerissimo” cioè  riducendo al minimo la propria impronta ecologica. Inoltre dovrebbe imparare a nutrire il proprio corpo e la sua “terra”  (microbiota) oltre che curare gli aspetti relazionali (psiche) in costante armonia con la natura (macro biota) . Insomma la Terra è il vero centro gravitazionale, nel micro come nel macro. Agire come specie significa seguire un nuovo paradigma di comprensione e utilizzo delle risorse naturali, prelevando dalla natura lo stretto indispensabile per lo sviluppo delle funzioni vitali e restituendo il più possibile in termini di sostanza organica da affidare ai micro alleati tellurici. Un siffatto modello culturale, sostanzialmente rivoluzionario, non può che rifarsi al concetto  di “civiltà della terra”. Concetto che travalica l’idea di civiltà contadina, come l’insieme delle pratiche, dei “saperi” e delle tradizioni che hanno consentito, dal neolitico sino all’avvento della chimica agraria industriale,  di gestire in modo virtuoso le risorse agricole e naturali. La civiltà della terra è piuttosto un approccio onnicomprensivo all’uso sostenibile delle risorse, alla comprensione delle variabili ambientali, alla comprensione delle interazione tra qualità dell’agricoltura, responsabilità dei consumi, solidarietà dei sistemi economici, eco-compatibilità del sistema dei trasporti, tutela della bio diversità, qualità dell’aria e dell’acqua, rispetto dei  diritti della natura, delle libertà responsabili  dei popoli e dei diritti fondamentali, inalienabili dell’individuo e della sua specie.
Il biologico italiano, come modello e come cultura, riassume questi valori e può a buon ragione  candidarsi   a  guidare un grande movimento per i  diritti della natura e per elevare il modello di produzione biologica al rango di sistema culturale di produzione e di consumo improntato ai principi della sostenibilità e della solidarietà.
Oggi che la pandemia da Codiv-19  ci ha messo di fronte alla  nostra fragilità e ci ha  dimostrato  che contro minacce potenti, quali sanno  essere le catastrofi naturali, nulla è tanto efficace quanto la prevenzione e il cambiamento delle abitudini di vita per un corretto  rapporto tra noi, l’ambiente e il cibo. Che la salute   è un valore sociale e che, senza nulla togliere a certa utilità della farmacologia moderna, non possiamo ignorare l’evidenza che la qualità generale dell’ambiente, dei consumi  e degli stili di vita sono indispensabili  al mantenimento di uno stato di salute adeguato. Sappiamo che nulla sarà come prima. Ma il futuro potrà essere migliore solo se riusciremo a cogliere  l’opportunità di un cambiamento profondo dei sistemi di produzione, dei modelli sociali orientati alla solidarietà e dei corretti stili di vita. L’agricoltura biologica può certamente indicarci la strada. 

Calogero Alaimo di Loro

 

 

Print
Categorie: Alimentazione
Rate this article:
5.0